Versi di Patroclo Pirittu

Nascondersi, ma non sparire:

ecco che non vado in nessun luogo,

non sono qui in qualche attesa,

solo un soffuso alito di ogni cosa,

solo una melodia

mi parla ma non so ricordare.

Rincorrevo, per non nascondermi,

in una danza sconnessa cavalcando il silenzio,

mentre tutti vedevano di me

solo le dissonanze, di me come del mondo.

Sapere, ciò che non si può imparare:

ecco come di un albero la chioma

è d’argento, il fusto bianco porpora,

la radice groviglio di serpi.

Ridevo e ridevo, per non nascondermi,

in una danza convulsa piegando il corpo,

mentre tutti vedevano di me solo le dissonanze,

di me come del mondo. 

Andare tanto lontano ma piano, lentamente,

ed ecco come s’accoglie la mente:

né molto e né niente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...